Ponente International Film FestivalPonente International Film Festival
Storm Rider — Correre per vincere

by Jean

Storm Rider — Correre per vincere

Quando il padre viene arrestato, la ricca e viziata adolescente Dani vede crollare tutto il suo mondo. L’unico che può occuparsi di lei è uno zio, Sam, che vive in una fattoria dispersa tra le campagne. La speranza di Dani, da sempre frequentatrice appassionata di un maneggio, è di trovare nella nuova casa dei cavalli da accudire e, magari, addestrare. Una speranza destinata a infrangersi, perché Sam non ne possiede. Per alleviare la sua solitaria tristezza, lo zio le regala un giovane mulo.
Prendendosene cura, la capricciosa ragazzina si trasforma in una donna coraggiosa e determinata, che ha imparato ad apprezzare ciò che realmente conta nella vita…

I particolari

È una piccola ribelle, la giovane Dani, insofferente alle regole e dal temperamento tempestoso, spesso in disputa con i familiari. È abituata a una vita splendida, in una magnifica casa, circondata dagli agi, con tanti amici con cui uscire per discoteche e locali. Nutre una grande passione per i cavalli, che ama cavalcare nell’elegante maneggio che frequenta abitualmente. Ma proprio quando tutto sembra andare secondo le più rosee previsioni, il destino l’aspetta al varco per sconvolgere le sue certezze in pochi istanti. Il padre commette un reato e viene arrestato, la matrigna se ne va e lei resta sola nel suo personale incubo, senza gli affetti e il benessere cui era abituata. L’unico che può occuparsi di lei è uno zio, Sam, che praticamente non conosce e che non sa nulla dì adolescenti. Con grandi sacrifici è riuscito a comprarsi una fattoria e vive serenamente nelle campagne dello Utah. Quando Dani viene a sapere che dovrà trasferirsi da lui, in un luogo sperduto e molto diverso da quelli in cui ha sempre vissuto, con la sola compagnia di un parente con cui ha scarsa familiarità, viene assalita dallo sconforto. Sconforto che si trasforma in rabbiosa tristezza quando si rende conto che, tra gli animali della fattoria, non ci sono cavalli che potrebbe imparare ad addestrare, l’unica prospettiva che riusciva a consolarla. Lo zio, che si sforza affettuosamente di renderle più accettabile la nuova condizione e più lieve la sua malinconia, le regala un giovane mulo, rimasto orfano. Dani si entusiasma e si affeziona subito al puledro, che decide di chiamare Stormy. I due diventano inseparabili: lei lo accudisce e inizia ad addestrarlo, sognando di farlo partecipare a una corsa… Tra problemi e speranze, ostacoli e vittorie, amici e nemici, la ragazza impara la bellezza della semplicità e della saggezza, e comprende che il senso vero della vita va al di là di vizi, capricci e passatempi frivoli. Mentre tutto intorno a lei va finalmente come deve andare, e anche con lo zio il rapporto è diventato di grande complicità, arriva un lieto fine forse un po’ scontato e zuccherino ma perfetto per una storia dichiaratamente di buoni sentimenti.
Storm Rider è un film edificante e rilassante, ambientato nei bellissimi, immensi paesaggi campestri americani con sottofondi musicali che ricordano, com’è giusto che sia, La casa nella prateria, e qualche bel brano country di Marcum Stewart e The Ollering Pines. Scene collaudate e tipiche di un certo genere molto USA, fatte di carrellate e zoom lentissimi, la fotografia splendida e tanta luce fanno da contorno a un racconto semplice, di formazione e ricco di saggezza, adatto a tutte le età. Non mancano situazioni commoventi, e tanta dolcezza, in un crescendo di sentimenti e affetti condotto con delicatezza dal regista, Craig Clyde, in un contesto in cui umani e animali coesistono e comunicano.
L’eroe positivo della vicenda è lo zio Sam, uomo buono e onesto, ben interpretato dall’affascinante Kevin Sorbo, conosciuto dal grande pubblico nei (pochi) panni dell’Hercules della fortunata serie televisiva. Accanto a lui, nel ruolo di Jodi, compare Kristy Swanson, già protagonista di Buffy l’ammazzavampiri, film che fu preludio di un’altra serie tv molto popolare tra i giovanissimi, in cui la cacciatrice adolescente di creature demoniache aveva le sembianze di Sarah Michelle Gellar. A incarnare Dani la bella e versatile Danielle Chuchran, mentre l’adorabile Jacob Buster interpreta il piccolo Jordan.
Un film dedicato a chi ama le storie in cui, prima o poi, tutto si aggiusta e crede che, in un mondo sempre più arido, anche un piccolo mulo possa salvarti la vita.

Scheda tecnica

Regia: Craig Clyde
Cast: Kevin Sorbo, Kristy Swanson, Danielle Chuchran, Jacob Buster, Sam Sorbo
Produzione: USA, 2013
Titolo originale: Storm Rider
Durata: 90’

Jean
About Jean
Storm Rider — Correre per vincere
Storm Rider — Correre per vincere