Ponente International Film FestivalPonente International Film Festival
Mi chiamo Giancarlo Catino

by Jean

Mi chiamo Giancarlo Catino

Un delicato ma potente cortometraggio ispirato al monologo di Massimiliano Bruno Mi chiamo Giancarlo Catino e credo nell’amicizia, portato in scena da Paola Cortellesi. I piccoli alunni, mostrando tutti lo stesso volto, quello del fantastico “Giancarlo Catino”, esternano i suoi stati d’animo causati dalla violenza del bullismo, passando dall’angoscia alla rabbia, al doloroso sbigottimento per poi approdare alla convinzione che l’amicizia vince ogni prevaricazione.

I particolari

Una piccola opera di grande impatto emotivo, grazie al testo ma soprattutto all’interpretazione dei giovanissimi attori, che indossano una maschera in cartone dai grandi occhi sgranati. Con tenera semplicità affronta un tema di drammatica attualità, nell’ambito del Progetto Legalità Bulloni Svitati, portato avanti da alcune insegnanti della Scuola dell’Infanzia di Ventimiglia Alta, Istituto Comprensivo N. 2 Cavour, tra cui Roberta Masi e Francesca Grana, e la dirigente Antonella Costanza.
Non solo immagini, ma anche parole importanti, che scorrono in sovrimpressione:
Il video è dedicato a quei ragazzi che, quotidianamente, subiscono il peso del bullismo senza riuscire ad evitarlo. Si può vincere la violenza solo con l’amore. Rispondere all’odio con altro odio non fa altro che accrescere la profondità dell’odio stesso. Ghandi.”
Al cortometraggio è stato assegnato il premio speciale della giuria, lo scorso 23 maggio, sul palcoscenico dell’Ariston di Sanremo, nella prima edizione di “Corti per la giustizia”, indetta dall’Associazione Nazionale Magistrati sezione ligure.

Regia: Roberta Masi e Francesca Grana (docenti)
Cast: alunni della Scuola dell’infanzia di Ventimiglia Alta IC n. 2 Cavour
Durata: 4’

Jean
About Jean
Mi chiamo Giancarlo Catino
Mi chiamo Giancarlo Catino