Ponente International Film FestivalPonente International Film Festival
Il quartetto Novecento

by Jean

Il quartetto Novecento

Il quartetto nasce con l’intento di presentare un panorama del vastissimo repertorio del ‘900, secolo che ha visto fiorire una grande varietà di stili.
Tra le varie influenze che ha subito in questo periodo la cosiddetta “musica colta” sono da annoverarsi sicuramente la tradizione popolare e il jazz: la prima da un lato ha favorito il recupero di alcune forme di danza, soprattutto quelle di origine più umile, elevandole al rango di musica più ricercata e allontanandole di fatto dalla possibilità di essere realmente danzate, mentre la seconda ha sfruttato la possibilità di servirsi di figurazioni ritmiche nuove e soprattutto l’introduzione di improvvisazioni estemporanee.
Tutto ciò ha ampliato enormemente la varietà di stili del secolo scorso, rendendolo più eterogeneo e di conseguenza più vario rispetto al passato; è in questo stesso periodo, inoltre, che vengono riscoperti alcuni strumenti come la fisarmonica, considerati prima di allora non sufficientemente nobili per essere impiegati in un contesto che non fosse popolare.
Così anche la scelta dell’organico del quartetto, per il quale non esiste un repertorio originale, risponde alla molteplice esigenza di poter disporre di strumenti le cui caratteristiche peculiari ne permettano il felice impiego sia in un contesto colto che in quello popolare o jazz.
Da queste premesse nasce la scelta degli autori dei brani in repertorio: il pirotecnico fisarmonicista Richard Galliano, l’elegante clarinettista Benny Goodman, il fantasioso pianista Zez Confrey, il compianto genio della fisarmonica Luciano Fancelli, il sassofonista Paul Desmond dalla classe cristallina o il colto pianista Dave Brubeck. Accanto a questi nomi il quartetto ha in repertorio anche musiche di compositori ed esecutori che si sono distinti anche come autori di musica cameristica e sinfonica, come Astor Piazzolla, Pietro Mascagni, Ernesto Lecuona, George Gershwin, Darius Milhaud, Igor Stravinsky, Dmitri Shostakovich o Serge Koussevitzky.
La varietà di caratteristiche dei compositori citati si ritrova nel caleidoscopio di colori delle loro musiche, e allo stesso tempo non pone limiti alla possibilità di ampliare il programma, attingendo all’enorme letteratura musicale che il ‘900 può offrire.

L’organico è formato da Mirco Rebaudo (Clarinetto e Sassofoni), Gianni Martini (Fisarmonica), Mauro Parrinello (Contrabbasso) e Massimo Dal Prà (Pianoforte e Arrangiamenti).

Mirco Rebaudo si è diplomato in clarinetto presso il Conservatorio di Cuneo, sotto la guida del Maestro M. Mazzone. Allo studio del clarinetto ha affiancato quello del sassofono, partecipando a numerosi corsi di improvvisazione jazzistica tenuti da insegnanti quali B. Mover, E. Cisi e R. Zegna. Ha collaborato con l’Orchestra Sinfonica di Sanremo ed è stato primo clarinetto nell’Orchestra del Conservatorio di Cuneo e nell’Ensemble Orchestrale Des Alpes et de la Mer.
Si è esibito anche in formazioni cameristiche in numerosi concerti. Ha militato in numerose big band jazzistiche come sassofonista e solista; ha fondato la Summertime marchin’ band’, formazione di dixieland itinerante, con la quale nel 1988 ha vinto il premio Oscar del mare, indetto dal quotidiano “La Stampa”, come spettacolo più originale della Liguria di ponente. Si occupa anche di didattica come insegnante presso diverse scuole della zona. Con un ensemble di propri allievi ha partecipato al GEF 2006, il festival mondiale della creatività nella scuola, con un brano di propria composizione, classificandosi secondo su 176 partecipanti. È primo clarinetto dell’Orchestra Sinfonica di Bordighera.

Mauro Parrinello, dopo varie esperienze musicali, che spaziano dalla musica leggera al jazz e ad incisioni discografiche, si è diplomato in contrabbasso al Conservatorio G.B. Martini di Bologna. Ha collaborato con l’Orchestra Comunale di Bologna ed ha conseguito l’idoneità ai concorsi per le Orchestre del Teatro Regio di Torino, del Teatro Comunale ‘G. Verdi’ di Trieste e dell’Orchestra Sinfonica di Sanremo: in quest’ultima ha ricoperto il ruolo di altro primo contrabbasso. Collabora a diversi progetti musicali ed è stato primo contrabbasso nell’orchestra del Festival di Sanremo in quattordici edizioni. È primo contrabbasso dell’Orchestra Sinfonica di Bordighera.

Gianni Martini si è diplomato in pianoforte presso il Conservatorio Giuseppe Verdi di Torino, sotto la guida del Maestro G. Bisio e in composizione ed arrangiamento jazz sotto la guida dell’arrangiatore e direttore d’orchestra F. Daccò. Ha studiato fisarmonica classica con L. Anfossi, S. Scappini e fisarmonica jazz con R. Galliano. È titolare del San Martino Recording Studio e collabora con diverse case discografiche. Collabora anche come direttore artistico, consulente musicale e strumentista con diverse compagnie teatrali della zona, con l’Orchestra Sinfonica di Sanremo e l’Orchestra Sinfonica di Bordighera. Con il Maestro Scappini e la Sinequanon Accordeon Ensemble ha realizzato a Lugano l’importante registrazione dell’opera omnia di Luciano Fancelli, nel 50° anniversario della sua scomparsa. Dal 2000 dirige la sezione di Taggia del Nuovo Centro Didattico Musicale Italiano, dove svolge un’intensa attività didattica come docente di pianoforte, tastiere, fisarmonica, arrangiamento e composizione.

Massimo Dal Prà ha conseguito i diplomi di Pianoforte, Composizione, Musica Corale e Direzione di Coro, Prepolifonia, Direzione d’Orchestra e Strumentazione per Banda presso il Conservatorio Giuseppe Verdi di Torino. Presso il medesimo Conservatorio ha conseguito la Laurea di Diploma Accademico in Composizione. Si dedica all’attività di direttore di coro, pianista e clavicembalista, oltre a far parte di alcune formazioni da camera, proponendo anche brani di sua composizione. Ha collaborato con l’Orchestra sinfonica di Sanremo come pianista, clavicembalista e arrangiatore; ha diretto la stessa orchestra in diverse occasioni, con programmi che prevedevano anche sue composizioni. È stato invitato a Lima per dirigere le Orchestre Nazionali Infantil e Juvenil del Perù, dove ha tenuto anche alcuni seminari di Direzione Corale, Direzione d’Orchestra e Jazz. È direttore e fondatore dell’Orchestra Sinfonica di Bordighera, città dove ha diretto nel 2013 la Tosca di Puccini. È anche direttore dell’Orchestra Giovanile del Ponente Ligure. È titolare della cattedra di Teoria dell’Armonia e Analisi presso il Conservatorio L. Cherubinidi Firenze.

Jean
About Jean
Il quartetto Novecento
Il quartetto Novecento