Coro Polifonico Città di Ventimiglia

Il Coro Polifonico Città di Ventimiglia è una istituzione nel panorama culturale del Ponente Ligure. La sua fondazione risale infatti al 1970. Nasce come coro liturgico con il nome di Coro San Secondo, in omaggio al Patrono della Città di confine, e con il tempo ha esteso il suo repertorio a diversi generi musicali: religioso, lirico e folkloristico. In seguito, dal 1985, sotto la direzione del Maestro Romano Pini, noto tenore già membro del Coro intemelio Giuseppe Verdi, amplia ulteriormente i propri orizzonti e il proprio organico, cui si unisce, come accompagnatore musicale, il Maestro Francesco Muratore, fino al 1989. Da quegli anni il Coro è stato ambasciatore della città di Ventimiglia non soltanto in Liguria ma anche in Piemonte, Lombardia, Emilia e, fuori dei confini nazionali, in Francia, nel Principato di Monaco e in Germania. Risale al 1991 la prima collaborazione con l’orchestra sinfonica di Sanremo, in occasione del bicentenario mozartiano. Nel 1992, per i cinquecento anni dalla scoperta del nuovo mondo, registra due brani in omaggio a Cristoforo Colombo, per la raccolta intitolata L’emigrante, edita da ricordi. Nel 1993 e 1994 la città di Nizza accoglie il coro al Centre Universitaire Méditerraneén, alla

presenza delle autorità Italiane e Francesi. In molte occasioni il Coro ha partecipato a eventi di beneficenza promossi da associazioni come la Croce Rossa, i Donatori di Sangue, la Croce Verde e il Lyon’s Club, nonché da parecchi comuni dell’entroterra ligure.

L’anno 2000 segna una tappa importante, per il Coro. Oltre a una nuova collaborazione con l’Orchestra Sinfonica di Sanremo, nella Città dei Fiori e in tournée a Savona e Parma, è stato invitato a esibirsi in Germania, nella bavarese Landshut, ottenendo grande successo e reiterati inviti. E anno dopo anno, in crescendo, il Coro ha raccolto sempre più gradimento coi suoi concerti in Italia e oltre confine, restando sempre aperto a nuovi appassionati.

Costituito da circa 50 elementi, tra coristi, solisti e musicisti d’accompagnamento, nei concerti, sempre molto seguiti, offre un programma che prevede generalmente una prima parte di lirica e una seconda di musica leggera (operetta, evergreen e altro).

Particolarmente apprezzate le esecuzioni dello Stabat Mater di Rossini, Te Deum, Regina Coeli e Ave Verum, di Mozart e alcuni tra i più importanti brani del Peer Gynt di Grieg.

Il Coro Polifonico si avvale attualmente della preziosa collaborazione dei musicisti Adriana Costa, Antonio Puntillo e Cecilia Pini. La tecnica vocale è affidata per il settore femminile a Jacqueline Pini, moglie del Maestro Romano Pini, che sovrintende alla tecnica vocale corale e all’insegnamento degli spartiti, occupandosi per finire della direzione dei coristi e dei musicisti in occasione delle rappresentazioni.